Sottoscrivi: Feed RSS | Commenti RSS

Diano Gorleri – vivere con lentezza

0 commenti
Diano Gorleri – vivere con lentezza

Ci sono posti meravigliosi che non si incontrerebbero senza cambiare un po’ delle nostre quotidiane abitudini,
quindi seguitemi, voglio presentarvi la strada delle ginestre, che se siete di quelli che “in Liguria si va al mare”,
allora difficilmente ci sareste inciampati (ma è ben a questo che servo io…).

Se volete arrivarci in bicicletta, io vi consiglio di salire fino alle Grillarine (sopra Diano Arentino) e poi da lì scendere lungo la colla che divide la vallata di Imperia da quella di Diano Marina. Oppure fare esattamente il contrario, passando da Gorleri, prendere la strada per il cimitero e proseguire sulla sinistra.
Sapevo, perché conosco il posto, che in questa stagione è tutto una fioritura di ginestre, ma non ricordavo il profumo dolce e quell’impressione di estate, che mai come quest’anno abbiamo tanto desiderato.

Lungo la strada gialla è concesso tutto, pensieri profondi, ma anche cantare a fil di voce la canzone che vi piace, nessuna vergogna di essere beccati in piena estasi canora, non è che passi tanta gente.
Qui vige un’unica regola, che poi regola non è:  vivere con lentezza, per gustarsi ogni istante di un giro in bicicletta tra la collina e il mare.
Godersi il caldo (da morire, ma avevo giurato che non mi sarei lamentata) circondati da un’aria improvvisamente più densa, ai piedi di un piccolo strappo in salita. Mentre tutto attorno suonano i rumori della campagna, al massimo dello splendore.


Piccola deviazione tra gli ulivi, seguendo un sentiero che non porta da nessuna parte, ma se non hai una meta precisa diventa impossibile perdersi.

Nella luce del pomeriggio ogni cosa è illuminata.
Improvvisamente la fatica non c’è più, il peggio come al solito è passato, restano solo i pensieri profondi, la canzone canticchiata a fil di voce e il mare, che intravedo in lontananza, unica certezza, solido punto di riferimento.

Bzzzzzzzz… le api al lavoro tra i fiori sembrano impazzite di felicità.
Io sulla mia strada gialla, avanzo scegliendo la traiettoria migliore, le braccia mi bruciano un po’, ho dimenticato di mettere la protezione e oggi il sole picchia.
Sento i battiti del cuore tum tum tum, e  il respiro, che a tratti si fa affannoso, rallento, mi fermo. Non è mica una gara.
Bevo acqua calda dalla borraccia: buonissima!

Non riesco a smettere di guardare le ginestre.
Presi singolarmente non sono fiori particolarmente sfarzosi, coriandoli gialli sulla punta di fitti rami verdi,  ma se alzo lo sguardo i coriandoli diventano milioni di milioni, come un’esplosione diffusa di fuochi d’artificio. I festeggiamenti silenziosi della primavera che lascia il posto all’estate.

I pensieri profondi si sono sciolti, solo la canzone è sempre lì, ma mi piace. Ora vado a casa, mi faccio una doccia e poi un bel gelato non me lo toglie nessuno.
E pensare che se non avessi cambiato un po’ le mie abitudini, non avrei provato mai la sensazione preziosa di vivere un paio d’ore con la lentezza che meritano le cose molto belle.
Liguria  – Diano Gorleri (IM)
Diano Gorleri – vivere con lentezza

 

Per affittare una bicicletta o avere consigli sui giri in mtb nella zona del golfo dianese:
Biciclando a Diano Marina [Corso Europa, 24 Telefono: 0183 495030]
Emporio Bike a San Bartolomeo al Mare [Via Aurelia, 186 Telefono: 0183 405009]

 

Pin It

Ai nostri lettori è piaciuto anche:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *