Sottoscrivi: Feed RSS | Commenti RSS

Nizza – è arrivato il Natale!

0 commenti
Nizza – è arrivato il Natale!

Nizza è una città che mi è sempre piaciuta, forse perché nasconde diverse anime in grado di soddisfare sempre anche l’umore del visitatore più esigente.
Detto ciò, non vi dovrete stupire se ora vi racconterò di come Nizza, a dicembre, riesca magicamente a trasformarsi nella casa al mare di Babbo Natale.


Di solito a Nizza i negozi sono chiusi la domenica, in Francia le regole son regole, ma durante il periodo natalizio almeno nella zona centrale si fa uno strappo alla regola.
Qui siamo nella Avenue Jean Medecin, la strada che taglia la città in due, partendo dal mare e arrivando fino al confine nord.
Pensate che da un paio di anni (e non senza una valanga di critiche da parte dei negozianti) questo viale immenso è stato reso quasi esclusivamente pedonale  (passano anche dei filobus, quindi non camminate tra le rotaie!), migliorando di gran lunga il piacere di una passeggiata in centro con cane e bambini, a cui vi consiglio vivamente di fare il passaporto come previsto dalla legge (ai cani, non ai bambini) per non incorrere in spiacevoli sanzioni.
Fatto sta che, durante tutto il mese di dicembre e per i primi giorni di gennaio, proseguendo lungo il viale Jean Medecin, cercando di resistere alle tentazioni delle luci sfavillanti del nice Etoile (il centro commerciale di Nizza), e dei magazzini Lafayette, verrete improvvisamente centrifugati in quella che normalmente è la place Massena, ma che in questi giorni si trasforma in una mini Lapponia, pensata ad hoc dal mega direttore galattico ed artistico di Nizza (diciamo che la figura del direttore me la sono inventata, ma una mente galattica dietro a tutto ciò deve certamente esserci).


Un abete che cela una giostra volante, un albero di natale fatto di palle di vetro, la ruota panoramica con vista sull’universo, le casette di legno piene di cose buone da mangiare e idee regalo artigianali che probabilmente potreste trovare solo in tutti i mercatini del mondo, ma non è questo ciò che importa! Perché tutto ciò che conta è la sensazione, senza prezzo, di essere finiti nel fantasmagorico paese dei balocchi e che nonostante il gran caos di rumori e di gente ammassata, questo sia l’unico paese in cui vorreste stare.


Ma le meraviglie non finiscono qui, perché sicuramente avrete anche voi un desiderio per Natale, su dai, tutti ce l’abbiamo… beh, non ci crederete, ma il direttore artistico ha pensato anche a questo, assoldando, ad un prezzo mai immaginato prima, Babbo Natale in persona, sulle cui ginocchia potrete comodamente sedervi e raccontare in gran segreto cosa vorreste trovare sotto l’albero (però magari è meglio se fate passare prima i bimbi).

Dopo essersi ingozzati di churros (googolateli), socca (la farinata francese) e schifezze varie che qui certamente non mancano, ecco a voi il gran spettacolo finale: la Lapponia by night!



La giornata è finita, piene di pacchi, pacchetti e cibo di ogni genere, torniamo verso casa, non prima di esserci perse un paio di volte “eppure sembrava questa la via, l’avenue, pardon….”.
Entrate in macchina spengo la radio, ci guardiamo negli occhi godendoci il silenzio e la mancanza di esseri umani. Poi mi infilo la cintura di sicurezza, avvio il motore, e bon, si parte!
Passando di lato alla piccola sfavillante Lapponia, iniziamo un’altra volta a parlare degli acquisti fatti e di cosa regalare a chi, “e, scusa, ti spiace passarmi anche un churros con la nutella? E’ lì nel sacchetto rosso…”
E’ arrivato il Natale! 

Nizza – E’ arrivato il Natale!
Costa Azzurra – Nizza
Prenota qui la tua vacanza in Liguria

 

 

testi e foto di paola Xmas faravelli
Pin It

Ai nostri lettori è piaciuto anche:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *