Sottoscrivi: Feed RSS | Commenti RSS

Nizza – La colline du château

0 commenti
Nizza – La colline du château

Dopo essere stata sotto il dominio dei Savoia fin dalla fine del milletrecento, Nizza venne definitivamente annessa alla Francia nel 1860, anche se negli anni precedenti fu spesso soggetta ad occupazioni francesi.
Questo piccolo accenno storico solo per dire che camminando per le vie del centro storico si ha spesso l’impressione di essere in una città italiana, anzi, per la precisione ci sono molte similitudini con Torino.
vacanze in liguria
vacanze in liguria
vacanze in liguriaAnche se, a ben guardare, di Torino restano le facciate di alcune case e una certa squadratura nella disposizione delle vie, ma null’altro della celebre austerità tipica della ex capitale del regno d’Italia.
vacanze in liguria a nizza vecchiaAnzi, nella città vecchia, tutto è contaminazione, normale è trovare ristoranti indiani appiccicati alle taverne che propongono la socca (la nostra farinata).
Ma attenzione a non commettere l’errore di confondere questo melting pot con la globalizzazione, perché nella vecchia Nizza le individualità hanno la meglio sulla massa. Niente grandi marchi preconfezionati, ma tanti botteghe con le loro storie da raccontare, perfette per il turista esploratore.
E se poi certe cianfrusaglie si trovano anche nel negozio etnico sotto casa vostra, vabbè, volete mettere l’atmosfera che si respira qui?
a passeggio per la vecchia nizza, la socca
vecchia nizza passeggiata
passeggiata a nizza Benché adori zonzorellare per queste strade, il mio obiettivo di oggi è la colline du château, ovvero il parco costruito nel 1828 dall’allora sovrano Re di Sardegna, sulla  parete di roccia calcarea a picco sul mare, da cui si può accedere in ascensore o via pedonale, che è la mia scelta, cosa saranno mai cento metri di dislivello?
colori della vecchia nizza
panorama nizza vecchia
panorama dal giardino del castello di nizzaQueste scale sono comode, ma son sempre scale, quindi colgo al volo l’occasione quando c’è un affaccio, per scattare una foto e  rifiatare un po’.
E sembra ogni volta impossibile riuscire ad avere una veduta migliore, e invece continuo a salire e continuo a sorprendermi.
vista dalla vecchia nizza
la spiaggia di nizzaFino a quando ti dimentichi che le scale son in salita, perché con gli occhi pieni di azzurro anche il fiato si fa più leggero.
il golfo di nizzaEcco la baia degli Angeli in tutto il suo splendore.
Adesso sono sulla cima della roccia, nel punto in cui i Savoia costruirono il castello (distrutto poi da Luigi XIV) che da il nome alla collina, e di cui ora restano solo le rovine.
nizza vecchia il parco del castelloNon sono l’unica a pensare che sia un luogo spettacolare, pare che anche Napoleone III (dopo l’annessione di Nizza alla Francia) definì la collina, tra i paesaggi i più belli da lui mai visti. E non mi sento di contraddirlo.

il parco del castello a nizza
nizza il parco del castello
passeggiata vecchia nizza Vi invito, e insisto pure, a regalarvi il piacere di una passeggiata per il parco, riflettendo sul fatto che un tempo questo luogo era un assoluto privilegio di re e regine, mentre oggi è a disposizione di tutti.
la collina del castello a nizzaScendo, ripercorro i miei passi in senso contrario, la discesa è più comoda, ma non abbastanza da ricompensarmi per la perdita del panorama, che lentamente sparisce dietro agli alberi e ai tetti delle case.
Così mi trovo ad invidiare i proprietari di una finestra un po’ malconcia, che tutte le mattine, aprendo le imposte, possono gettare i loro occhi stropicciati di sonno sulla baia che un imperatore di Francia definì luogo di assoluta bellezza.
la collina del castello a nizza vecchiaC’è solo un rimedio a tanta malinconia, tornare nel centro storico e affondare i pensieri in una bella crêpe con la nutella (altra contaminazione?).
la vieux niceVisti da lontano, i paesi della costa azzurra paiono usciti dalle mani esperte di un illuminato architetto paesaggista, poi ti avvicini e lentamente scopri che i palazzi colorati sono coperti dai segni del tempo, che le strade spesso si incastrano in ben poco geometrici tratteggi e persino le spiagge, che parevano di finissima sabbia, non sono che ciottoli bianchi arrotondati dal lavoro del mare.
Vecchia Nizza i panni stesi per Vacanze LiguriaPoi accade che i dettagli, che per un attimo son parsi confusi e scompaginati, un’altra volta si contaminino, amalgamandosi, sovrapponendosi, rubando qualcosa gli uni agli altri, ma solo per restituirli, infine, migliorati di un’essenza preziosa, che nemmeno le mani esperte del più illuminato architetto avrebbero mai potuto immaginare.
Tutto questo si chiama vita, ed è la differenza che intercorre tra la vagheggiata perfezione e il giornaliero abitare. Io la preferisco, e voi?

Nizza – Costa Azzurra
La Nizza – La colline du château

Prenota qui la tua vacanza in Liguria

 

 

testi e fotografie: paola merveilleuse faravelli 

Pin It

Ai nostri lettori è piaciuto anche:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *